Spedizione gratuita per ordini da €70

Un graphic novel per parlare di discriminazioni e rinascita: BADÙ E IL NEMICO DEL SOLE

Quando è nato Badù?

Francesca: anni fa, io e Christian Bouah, abbiamo ideato il personaggio. Immaginandoci di poter raccontare, attraverso di lui, alcune realtà legate all’Africa, viste e vissute con gli occhi di un ragazzino.

Poi si è creato un vero e proprio team. Come vi siete incontrati?

Francesca: è stato grazie a Otto Gabos, amico, grande autore e docente all’Accademia delle Belle Arti di Bologna. Mi ha messo in contatto con un gruppo di artisti in cui credeva e grazie ai quali abbiamo potuto concretizzare il progetto: Stefania Costa, Laura Congiu, Gabriele Peddes e Stefania Potito.

Abbiamo lavorato alla grande per mesi scambiandoci idee, studi e prove tra Roma, Bologna e Cagliari.

team Badù e il nemico del sole

il team (quasi) al completo. Da sinistra a destra: Stefania C., Laura, Francesca, Christian, Gabriele.

Perché avete deciso di affrontare il tema dell’albinismo e perché tramite una graphic novel?

Team: volevamo raccontare una situazione reale e purtroppo ancora attuale in alcune zone dell’Africa di cui moltissime persone – ce ne siamo resi conto durante la lavorazione e successivamente raccontando di Badù soprattutto nelle scuole – non è a conoscenza. E il fumetto ci è sempre parso lo strumento più naturale e più adatto per farlo.

bozze disegni Badù e il nemico del sole

disegni realizzati live in occasione di un festival del fumetto

La scelta di creare un prodotto editoriale che si adattasse all'ambito educativo e scolastico è stata una scelta dell'editore o una vostra prerogativa iniziale?

Team: è stata una conseguenza piuttosto naturale dell'interesse dimostrato da biblioteche e insegnanti, e di conseguenza dai ragazzi, sia nei confronti della storia che dello strumento fumetto.

Una delle soddisfazioni più grandi legate a Badù?

Team: una delle cose che la storia di Badù ha creato e di cui siamo maggiormente orgogliosi è stato il dialogo. Nei tanti incontri fatti con i bambini e i ragazzi delle scuole e dei laboratori quello che si è creato è stato il confronto, la conoscenza, la curiosità di lettori molto giovani sui temi della discriminazione, del pregiudizio, dello sguardo dell’altro.

Progetti per il futuro?

Francesca: Proprio quest’anno uscirà un altro graphic novel a cui sto lavorando; successivamente, se tutto andrà bene, ne è previsto un altro scritto di nuovo in collaborazione con Christian 

Gabriele: Continuo a lavorare come illustratore freelance, facilitatore visivo e fumettista. Entro l’anno uscirà una mia storia breve per l’antologia Attaccapanni Press; inoltre sto lavorando per la prima volta ai visual per un videogioco 

Stefania C.: Al momento sto lavorando ad un progetto basato su una reinterpretazione contemporanea della figura delle Janas, le fate della tradizione folcloristica in Sardegna

Laura: Vorrei sicuramente continuare a lavorare nel campo del fumetto, dell’illustrazione, della narrazione per immagini in generale. Sto partecipando ad alcuni progetti attualmente in progress, qualcosa è stata un po' rallentata dal lockdown ma comunque sta proseguendo, qualcosa è nata proprio in questo periodo… per ora però preferisco non svelare i dettagli! 

Stefania P.: Continuo a lavorare presso lo studio RAM di Bologna, dove mi occupo della grafica di progetti legali al mondo delle edicole”

Per concludere: perché dovremmo acquistare Badù?

Team: Per incontrare personaggi a cui affezionarsi, un bambino libero, un geco intellettuale, una maga pentita, un saggio nella foresta. E per scoprire una realtà incredibile e forse sconosciuta.

-

Puoi acquistare Badù e il nemico del sole nel nostro shop

Sei un produttore socialmente responsabile?

Vuoi collaborare con noi??

Scopri di più